• parco informa

Progetto Plastic Buster MPAs

 plastiche in mare da pg fbk
 
 
 
 
PLASTIC BUSTERS MPAs
 
LOGO ERDF PLASTIC BUSTERS MPAs En
 
Un Progetto per preservare la Biodiversità  delle Aree Marine Protette del Mediterraneo  dall’inquinamento da plastica
 
Il Mar Mediterraneo è una delle aree più colpite dai rifiuti marini nel mondo. Gli impatti dei rifiuti sul biota marino all'interno delle Aree Marine Protette (MPA), incluse le specie in via di estinzione, rimangono ad oggi  poco investigati, ed è chiaro che sono urgentemente necessarie misure di prevenzione e mitigazione.
 
Il progetto Plastic Busters, iniziato il primo Febbraio 2018 finirà a fine  Gennaio 2022, è co-finanziato dal Programma di Cooperazione Transnazionale Interreg Med 2014-2020 ed ha l’obbiettivo di contribuire al mantenimento della Biodiversità e di preservare dai rifiuti l’ecosistema delle aree marine protette, pelagiche e costiere, definendo e attuando un approccio armonizzato contro il problema dei rifiuti.
 
Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano vi aderisce assieme ad altri 15 soggetti beneficiari per un finanziamento complessivo di circa 5 milioni di Euro. L’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la ricerca Ambientale) è coordinatore di progetto e l’Università di Siena è coordinatore scientifico.
microplastiche da internet di Repubblica
 
Al nostro Parco spettano circa 170.000 € grazie ai quali sarà possibile monitorare e valutare le aree di accumulo dei rifiuti ed individuare misure di prevenzione e mitigazione di macro e micro plastiche che invadono il mare dell’Arcipelago Toscano
Il progetto prevede azioni che riguardano l'intero ciclo di gestione rifiuti, il loro monitoraggio, la valutazione, la prevenzione e la mitigazione, nonché azioni per rafforzare il networking tra le aree marine pelagiche e costiere situate in Italia, Francia, Spagna, Croazia, Albania e Grecia. Questo è il primo progetto a scala di bacino in cui i paesi dell'UE e dell'IPA uniscono le forze per affrontare il problema rifiuti attraverso un approccio coordinato e partecipativo al fine di: 
 
1) diagnosticare gli impatti dei rifiuti marini sulla biodiversità nelle aree marine protette, compresa l'identificazione di "punti caldi";
2) definire e testare misure di sorveglianza, prevenzione e mitigazione dei rifiuti marini; 
3) sviluppare un quadro comune di azioni per risolvere il problema rifiuti marini per le regioni coinvolte in Interreg Med al fine di conservare la biodiversità.
 
Nel corso di un periodo di 4 anni, il progetto Plastic Busters  contribuirà a  valutare la quantità, le fonti, i percorsi, le aree di convergenza, di distribuzione e gli effetti dei rifiuti marini sul biota, e a mitigare e ridurre il loro impatto nel Mar Mediterraneo. 
La natura e gli effetti dei rifiuti di plastica sulla catena alimentare marina, sulla pesca, così come sulla salute umana, sono ancora in gran parte sconosciuti e sono questioni importanti da indagare proprio nell'ambito di questo progetto.
La raccolta di rifiuti, la rimozione e raccolta di attrezzature da pesca abbandonate, la creazione di meccanismi di riciclaggio e di sistemi di restituzione / deposito per imballaggi,  sono alcuni esempi delle azioni concrete  che verranno sviluppate, testate e promosse nelle diverse aree pilota coinvolte del bacino nel Mediterraneo.  Il metodo utilizzato oltre al rigore scientifico si basa su un approccio condiviso, con il coinvolgimento di  soggetti interessati quali: autorità portuali, pescatori e comuni.  Il progetto prevede, infine, un'ampia gamma di azioni per migliorare la consapevolezza delle parti interessate e catalizzare il cambiamento nelle loro percezioni e atteggiamenti verso gli sprechi.
 
Come sottolineato, infatti, dalla Convenzione di Barcellona nell'ambito del Piano regionale per i rifiuti marini (Istanbul 2013) " L'inquinamento marino non conosce frontiere, l'inquinamento in un paese colpisce tutti gli altri ".
 
Per ogni ulteriore informazione in merito alle attività di progetto, alle news ed agli eventi è possibile consultare il sito internet: http://plasticbusters.unisi.it/,  ed i relativi social. Facebook: @Plastic Busters MPAs; Twitter: @ Plastic Busters MPAs.
 
 
Implementing Partners logos 2 lines

logo isoleditoscana MaB vecchie stelle webLOGO UNESCO MAB En color.jpg    IT logo CETS    logo federparchi

Ultime News

Calendario 2020 per godere le Isole di T…

21-02-2020

  E’ pronto il Calendario 2...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano a…

18-02-2020

    Il Parco Nazio...

Rimessa a nuovo l’area attrezzata del Sa…

17-02-2020

  Rimessa a nuovo l’area at...

Premio al Parco per la conservazione del…

13-02-2020

  Il Parco Nazionale Arcipe...

A febbraio mindfulness ecologia e degust…

04-02-2020

  Visto il positivo riscont...

Consiglio Direttivo del Parco 30 gennai…

28-01-2020

Il Consiglio Direttivo dell’...

Consiglio Direttivo del Parco 30 gennai…

28-01-2020

Il Consiglio Direttivo dell’...

Disponibili nuove date per visitare l’…

23-01-2020

Il Parco nazionale Arcipelago Tos...

Partono il 14 gennaio le prenotazioni on…

14-01-2020

    Dalle ore 9 del 1...

Aperte le prenotazioni online 2020 per …

09-01-2020

    Aperte le prenota...

Parco Nazionale Arcipelago Toscano i ris…

18-12-2019

Parco Nazionale Arcipelago Tosc...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento